Cosa si nasconde dietro l’ingegneria biomedica?
Comunemente associamo a queste due sfere, l’ingegneria e la biomedica, immagini fredde e distaccate di robot, macchinari, numeri e formule. E se vi dicessi che questi sono solo gli strumenti pratici e che in realtà, spesso, le intuizioni nascono dalle emozioni umane più vere e profonde?

La prof.ssa Laura Burattini, referente di Br3in, il team di Ingegneria Biomedica dell’UnivPM del Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione, ci racconta delle diversi e più trasversali linee di ricerca che stanno portando avanti, e di cosa si nasconde dietro a ciò che vediamo.

Per contattarli o per curiosare tra i loro progetti, visitate questo sito.

Buon ascolto!